Category Archives: Internet

Il primo nodo Internet a Modena

Non sono molto bravo con gli anniversari, ma questo non mi doveva proprio sfuggire. Porca trota! Mi sono accorto solo oggi che da un paio di mesi sono passati poco più di 20 da quando venne aperto il primo nodo internet di Modena. Il primo contratto del primo provider internet Modenese infatti porta la data del 1 febbraio 1995, ma era stato venduto già nel dicembre del 1994.

img-150202214115-0001Correndo come dei forsennati avevamo cominciato a dare e vendere i collegamenti diretti a Internet già da un paio di mesi, da dicembre 1994, ma c’erano ancora parecchie cose da mettere a punto e non ci sembrava corretto chiedere pure un canone di abbonamento alle persone che collegandosi al nodo internet per primi ci avrebbero fatto pure da cavie. Perciò avevamo deciso che chi avesse stipulato il contratto in quel periodo avrebbe ricevuto subito l’accesso, ma che i contratti sarebbero formalmente partiti dal 1 febbraio 1995. I primi clienti li ricordo tutti. Il primo, un privato, si chiamava Cristiano B. La prima azienda la libreria Athena. Alcuni li frequento ancora adesso, vero Franco R.? Continue reading Il primo nodo Internet a Modena

Il cielo stellato di Internet

Internet Map
Il cielo stellato di Internet

Ieri sera (23 dicembre 2013) ho partecipato ad un evento organizzato dall’UDU di Modena dal titolo “Com’è piccolo il mondo”. Il relatore, Giacomo Visconti Prasca, ha fatto una chiara e appassionata introduzione alla Scienza delle Reti. Tra le tante cose che fatto vedere, questo sito: Internet-Map.net, una gigantesca mappa che rappresenta i siti della rete i link che li connettono. Le dimensioni di ogni cerchio rappresentano il traffico di quel sito. La posizione di un cerchio rispetto agli altri è determinata dai collegamenti tra i siti. Cliccando su ogni sito si possono vedere alcune informazioni sul sito associato e al suo traffico.

Si possono fare anche delle ricerche, per nome del sito (così lo si trova in fretta) o per paese.

Questa mappa è bellissima, sembra un cielo stellato e colorato e mi sembra molto indicata per associarla agli auguri per le feste che stanno per iniziare.

Auguri a tutti!

Buone feste a tutti.

Le regole di Internazionale su Facebook

facebook-nuovo-mi-piace

Questa settimana, la rubrica delle Regole che trovate su Internazionale, riporta le regole su Facebook per i “Mi piace”.

  1. Mettere “mi piace” a un tuo post non è bello. Soprattutto se sei l’unico.
  2. Non dire laikare.
  3. Un “like” sulla foto profilo di qualcuno è una forma sottile di rimorchio.
  4. Ok, sei il “mi piace” numero cento: cosa vuoi, un premio?
  5. Ricoprirti di like è troppo facile: un vero amico ti invita a cena

Non non le ho trovate particolarmente brillanti ed è un peccato, perché di solito lo sono. Non ho mai nè detto né letto “laikare” da nessuna parte (ci sono meno di 100 pagine che contengono questo orribile neologismo). L’unica che mi ha fatto proprio ridere è la numero 3. Un “like” sulla foto profilo di qualcuno è una forma sottile di rimorchio.

E voi quali regole pensate siano utili su Facebook, per i mi piace in particolare, o per l’uso del social network in generale?

 

 

Notizie farlocche crescono

Qualche giorno fa ho avuto uno scambio di post/commenti su Facebook in merito alla notizia della bambina yemenita di 8 anni che sarebbe morta dissanguata dopo la prima notte di nozze con un quarantenne.

A usta mi sembrava una notizia poco credibile e così ho seguito a ritroso il percorso di diffusione (uno dei possibili percorsi) e ho concluso che la notizia era molto probabilmente falsa (magari in un altro articolo spiego il percorso che ho seguito per arrivare a questa conclusione, ma non ho tracciato bene il tutto). Oh, non fraintendetemi: il problema delle spose bambine è reale, ma non capisco la necessità di inventare e diffondere notizie con fonti così poco attendibili.

Comunque oggi mi sono imbattuto in un altra catena di articoli collegati ad una notizia farlocca che, sono certo, si sta già diffondendo sui social network come una pestilenza.

L’articolo riguarda le “indicibili torture praticate dai terroristi in Kenya”.

Anche una catena di notizie dev'essere agganciata ad un punto ben saldo....
Anche una catena di notizie dev’essere agganciata ad un punto ben saldo….
  1. Tutto ha avuto origine da un post su Facebook. Il post è stato pubblicato sulla pagina FB dell‘UAAR (Unione Atei e Agnostici Razionalisti). Un ottimo posto per trovare diffusori in quanto, ovviamente, è frequentato da persone che con la religione non vanno molto d’accordo. (Nota: qualche giorno fa, tra l’altro, anche l’UAAR aveva ripreso senza troppe verifiche la vicenda della sposa bambina morta…)
  2. Il primo sito della catena, quello citato dal post, è “ImolaOggi” che già conosco come sito che diffonde odio verso gli stranieri
  3. L’articolo di ImolaOggi non fa altro che riprendere  un articolo di RightsReporter.org (ci mette anche un link in fondo all’articolo). E’ un articolo in italiano, collegato a sua volta con un articolo di RightsMonitoring.org (in inglese) e se uno non ci guarda a fondo, vien da pensare che sia la traduzione di quello in inglese.
  4. Il sito RightsMonitoring.org. (RightsMonitoring.org è citato e linkato anche da Imola oggi). Qui non ho trovato altri link. Quest”ultimo articolo della sequenza è in inglese, tuttavia non parla di islamici e a prima vista sembra “attendibile”

Dopo aver seguito la catena di link, ho cercato con who.is informazioni su rightsreporter.orgDal whois, non si ottiene molto, perciò ho cercato qualche informazione sul sito. Ma anche il “chi siamo” non dice nulla.  Mah, chissà chi c’è dietro questo sito…

Quindi ho cercato qualche info sul sito, quello in inglese, RightsMonitor.org e, sulla pagina about us, ecco cosa c’è scritto:

Rights Monitoring is a comprehensive system of monitoring human rights. The project was implemented by the Rights Reporter, Italian organization for the Defence of Human Rights, in collaboration with other activists and newspapers around the world.  The articles are written by activists or come from different sources or newspaper. If you want to know more contact us

Insomma il sito in inglese, quello che sembra la fonte, invece è collegato al sito italiano; sembra che lo scopo del sito inglese sia quello consentire al sito italiano di avere una “pseudo fonte” apparentemente credibile.

Come fanno a non venire dei dubbi sull’attendibilità di certe notizie? A me vien da pensare che addirittura ci possa essere un disegno preciso, per diffondere odio razziale e  religioso.

 

Caffè Lavena troppo caro o no?

In realtà  volevo solo provare questa nuova funzionalità di Facebook che è l’incorporazione dei post.

Qualche giorno fa la notizia di un prezzo esorbitante pagato da alcuni turisti al Caffè Lavena di Venezia

Ecco il commento di Natalino Balasso.

https://www.facebook.com/natalinobalasz/posts/644177645600393?comment_id=6970560&reply_comment_id=6972282&offset=0&total_comments=154&notif_t=share_reply