Category Archives: Internet

Usare meno i social e di più il nostro sito: un buon proposito per il 2019.

Quando pubblichiamo qualcosa su Facebook (ma vale anche per gli altri social network) sappiamo tutti  che lo stiamo “regalando” alla società proprietaria del network.  Quello che era nostro smette immediatamente di esserlo, decade rapidamente, recuperarlo diventa difficile, a volte perfino scompare.  Lo sappiamo, ma facciamo finta di non ricordarcelo perché siamo pigri e ci fa comodo: pubblicare nei social è molto, molto più facile ed immediato che pubblicare in un sito anche se semplice come un blog…

E fin qui passi, ma la società di Zuckerberg non soltanto mette le mani sui nostri contenuti,  ma possiede e controlla la nostra rete sociale, o per meglio dire, la versione “virtuale” della nostra rete sociale e tutte le interazioni che da questa si creano.

Facebook sa chi sono i nostri amicisa quanto sono attivi, e sa come reagiscono ai nostri post e commenti,  se hanno apprezzato o no quello che abbiamo scritto. Sa tutto di noi e dei nostri amici: chi frequentiamo, per quanto tempo, con chi chattiamo. Sapendo tutto questo un social come Facebook può facilmente “guidarci” nelle relazioni con i membri della nostra rete sociale. Lo fa già decidendo cosa dobbiamo vedere e cosa no navigando fin dal momento in cui apriamo la home di Facebook.

Ma Facebook può anche arrivare a decidere di farci scomparire totalmente per i motivi più stampalati.  A volte su segnalazione di qualcuno, altre volte su base algoritmica. Di solito non ci si pensa. Forse solo se siamo stati bloccati da Facebook abbiamo avuto modo di percepire concretamente il fatto che la rete sociale su Facebook in realtà non è nostra, non ci appartiene. Non abbiamo nessun controllo su di essa e se Facebook decide smettiamo pure di farne parte, quasi una galera o anche una morte virtuale.

Perciò, per il 2019, ho deciso di mettere in pratica anche per me stesso il consiglio che dò sempre ai miei clienti, quello di non usare Facebook e gli altri social il meno possibile come strumento pubblicazione e di sfruttare la sua potenza solo per amplificare il mio contenuto, sempre che mi interessi amplificarlo. Questo contenuto, per essere reamente mio,  deve risiedere su qualcosa di mia proprietà, qualcosa di cui si abbia il pieno controllo: il mio sito. Sarà comunque disponibile a tutti, ma sarà ridotto il potere di società commerciali esterne di decidere cosa far vedere o no e per quanto tempo.

È perciò importante cominciare a dedicare più tempo per rafforzare online quello che possiamo controllare, quello che è “nostro”: il nostro sito. Se non ce l’abbiamo, creiamolo. Non limitiamoci ad esistere  soltanto nei social network. I social network cercano di sfruttare noi? E noi rispondiamo cercando di sfruttarli senza appoggiarci troppo ad essi: creiamo e partecipiaamo conversazioni, usiamoli come cassa di risonanza o per seguire (in parte) il flusso di informazioni. Ma i contenuti che più ci interessano cerchiamo di collocarli su servizi che possiamo controllare il più possibile.

Lo so, non è un granché. È un piccolo passo, un granello di liberazione, ma – anche se i social network cercano di intrappolarci nelle loro grinfie – dobbiamo farlo.

Prima o poi, ne sono certo, arriverà un nuovo paradigma in grado di rivoluzionare Internet ancora una volta, come a suo tempo è avvenuto con l’arrivo del web.  Non esisteranno solo i gestori di domini e di posta elettronica, non ci saranno soltanto i provider di connettività (possibilmente neutri) e i servizi di hosting di pagine e siti, ma nasceranno anche fornitori neutri che daranno a tutti servizi come la gestione dell’identità, della riservatezza e anche il servizio di “hosting della rete sociale“.

Nell’attesa, un buon proposito per il 2019 sarà quello di pubblicare i propri contenuti collocandoli per quanto possibile sulle pagine web del proprio sito.

Google, Bing e il Mollone di Roma

Da un po’ di tempo ho l’impressione che l’attività di Google sia condizionata da una premessa:  gli utenti sono dei deficienti (premessa che sfogliando un qualsiasi social network sembra empiricamente provata, ma lasciamo stare).

Cioè, quando si fa una ricerca, Google, invece limitarsi a cercare prendendo quello che ha scritto una persona, fa un ragionamento che presuppone l’incapacità di intendere e di volere di quell’utente. È come se Google dicesse, caro utente, hai cercato X, ma in realtà volevi cercare Y, te la faccio io la ricerca che tu avresti voluto fare se non fossi un idiota. E presenta dei risultati che c’entrano poco o nulla con quello che la persona stava cercando.

Questa mattina ho avuto la prova che Google fa proprio così.

virginia_raggi
Virginia Raggi. Ha proposto la funivia invece del mollone.

Qualche giorno fa, Virginia Raggi, la candidata per i 5 stelle a sindaco di Roma), in una conferenza stampa al Senato ha presentato il piano mobilità per Roma.  Tra le varie proposte anche l’idea di  una funivia che colleghi Casalotti a Boccea, due zone di Roma altamente congestionate. Continue reading Google, Bing e il Mollone di Roma

La visibilità dei post su Facebook

Sulla mia bacheca di Facebook passano i post di molte persone. Anche se molti dei miei amici non scrivono mai, ma parecchi altri scrivono o pubblicano qualcosa di tanto in tanto. Dalle foto dei gattini a profonde analisi politiche. Se mi sembrano argomenti interessanti, coinvolgenti o divertenti magari ci scappa un mi piace o un commento. Alcuni di questi post li condivido pure, e così si diffondono  raggiungendo i miei amici, che a loro volta, magari condividono e diffondono… E’ il bello del social.

Continue reading La visibilità dei post su Facebook

Il primo nodo Internet a Modena

Non sono molto bravo con gli anniversari, ma questo non mi doveva proprio sfuggire. Porca trota! Mi sono accorto solo oggi che da un paio di mesi sono passati poco più di 20 da quando venne aperto il primo nodo internet di Modena. Il primo contratto del primo provider internet Modenese infatti porta la data del 1 febbraio 1995, ma era stato venduto già nel dicembre del 1994.

img-150202214115-0001Correndo come dei forsennati avevamo cominciato a dare e vendere i collegamenti diretti a Internet già da un paio di mesi, da dicembre 1994, ma c’erano ancora parecchie cose da mettere a punto e non ci sembrava corretto chiedere pure un canone di abbonamento alle persone che collegandosi al nodo internet per primi ci avrebbero fatto pure da cavie. Perciò avevamo deciso che chi avesse stipulato il contratto in quel periodo avrebbe ricevuto subito l’accesso, ma che i contratti sarebbero formalmente partiti dal 1 febbraio 1995. I primi clienti li ricordo tutti. Il primo, un privato, si chiamava Cristiano B. La prima azienda la libreria Athena. Alcuni li frequento ancora adesso, vero Franco R.? Continue reading Il primo nodo Internet a Modena

Il cielo stellato di Internet

Internet Map
Il cielo stellato di Internet

Ieri sera (23 dicembre 2013) ho partecipato ad un evento organizzato dall’UDU di Modena dal titolo “Com’è piccolo il mondo”. Il relatore, Giacomo Visconti Prasca, ha fatto una chiara e appassionata introduzione alla Scienza delle Reti. Tra le tante cose che fatto vedere, questo sito: Internet-Map.net, una gigantesca mappa che rappresenta i siti della rete i link che li connettono. Le dimensioni di ogni cerchio rappresentano il traffico di quel sito. La posizione di un cerchio rispetto agli altri è determinata dai collegamenti tra i siti. Cliccando su ogni sito si possono vedere alcune informazioni sul sito associato e al suo traffico.

Si possono fare anche delle ricerche, per nome del sito (così lo si trova in fretta) o per paese.

Questa mappa è bellissima, sembra un cielo stellato e colorato e mi sembra molto indicata per associarla agli auguri per le feste che stanno per iniziare.

Auguri a tutti!

Buone feste a tutti.