La ricostruzione di Notre-Dame chiarisce bene la differenza tra tasse e carità

Un articolo del Corriere della Sera ci racconta la generosità pelosa dei ricchi che per la ricostruzione di Notre Dame, fino ad oggi, non hanno versato neppure un centesimo.


Notre Dame, i benefattori ora frenano: versato solo il 9% di 850 milioni promessi

Dal Corriere della Sera del 14 giugno

Continue reading La ricostruzione di Notre-Dame chiarisce bene la differenza tra tasse e carità

Differenti punti di vista…

Nel 1986 The Guardian fece un video pubblicitario in cui la stessa scena era stata girata come se fosse stata osservata da tre persone situate in posizioni differenti: i primi due collocati in basso, un po’ ravvicinati e il terzo dall’alto, più allargato.

La scena era sempre la stessa, ma se fosse stato chiesto ai tre osservatori di raccontarla, sarebbero nate tre storie diverse.

Lo spot terminava dicendo: “solo quando avete l’immagine intera potete capire pienamente quel che succede” (e quello ovviamente era il punto di vista di The Guardian)

Ecco in questo periodo post elettorale, dopo l’ennesima batosta delle formazioni che compongono lo straordinario e variegato universo della Sinistra, sta per partire una nuova fase di attribuzione reciproca di colpe, seguita dall’esternazione di ricette miracolose per risollevare le sorti della sinistra e perciò anche quelle del paese.

Una fase in cui tutti nutrono poche speranze, molti sentono la necessità di proporre e fare qualcosa, ma la confusione è tanta (e la situazione è tutt’altro che eccellente) e il risultato potrebbe essere il ripetersi e l’incancrenirsi di copioni già viste: insulti, illazioni, distruzione di percorsi appena iniziati, nascita di qualche nuovo nanopartito che come in una bella favola, supererà tutte le prove e libererà la principessa.

Oggi crediamo tutti di trovarci nel miglior posto di osservazione, di avere una visione ampia e privilegiata, ma invece siamo tutti intrappolati nel nostro punto di vista. Ci siamo finiti un po’ per caso e un po’ per scelta, ma ci siamo affezionati. Pensiamo sia quello più giusto e più corretto possibile.  Anzi, talvolta pensiamo che ciò che abbiamo osservato sia addirittura “la Verità”, ne facciamo una questione di principo e siamo disposti a batterci e a sacrificare tutto per lei, per la verità.

Capita a tutti non è grave, ma questo è un momento difficile per la sinistra, dovremmo tutti fare uno sforzo per ridurre l’aggressività e aumentare la disponibilità al dialogo.

Può aiutare il dialogo pensare che il nostro punto di vista non sia così speciale e che potrebbe addirittura essere limitato o sbagliato,  e pensare che se qualcun altro sta raccontando una storia diversa dalla nostra, non lo stia facendo soltanto per ingannarci,  ma che abbia visto quel che abbiamo visto noi, ma da un’altra posizione, da un altro punto di vista.

Dobbiamo tutti essere pronti a fare un passo indietro. Chissà, magari cambiando la nostra visuale, potrebbe anche capitarci di vedere meglio.

 

Non pensare alle alleanze
a sinistra – Ohmmm

Bisogna non pensare alle alleanze

Non bisogna pensare alle alleanzeOrmai è un mantra e tutti a ripeterlo a come monaci tibetani in meditazione, vuotando la testa da ogni altro pensiero.

Corollario. Bisogna partire dal basso, quindi noi che siamo forti e abbiamo capito tutto, non abbiamo bisogno degli altri. Ci mettiamo d’impegno e fra cinque anni le folle cadranno ai nostri piedi e prenderemo un sacco di voti. Continue reading Non pensare alle alleanze
a sinistra – Ohmmm

Il voto dell’astensione

Se le persone che si sono astenute tornassero in massa a votare cosa voterebbero?

Astensionismo Europee

Nel grafico che riporto trovate la serie storica dell’affluenza alle urne per le europee, dal 1979 fino a due giorni fa. Questo grafico fa vedere come siamo passati dall’86,12% al 56,09%. Un calo di 30 punti percentuali, con l’elettorato attivo che si è ridotto di oltre un terzo. Continue reading Il voto dell’astensione

Generatore di Piani Sanitari

Istruzioni: è  sufficiente ricaricare la pagina per generare automaticamente un nuovo piano sanitario. 

Generatore Automatico di Piani Sanitari. Cos'è?
Mi sono imbattuto in una pagina ironica addirittura del 2001 in cui si raccontava di uno studio linguistico sui vari programmi o piani sanitari condotto dal prof. Marco Marchi dell'Istituto di Biostatistica ed Epidemiologia dell'Università di Pisa e dal prof. Piero Morosini, direttore di laboratorio dell'Istituto Superiore di Sanità che era servito da base per creare una tabella con concetti e frasi ricorrenti da usare per generare un numero eccezionale di frasi con risultati in cui è detto tutto e niente. Questa tabella era stata ribattezzata il "Generatore Automatico di Piani Sanitari". Di automatico però questo generatore non aveva molto e  quindi ho dedicato un po' di tempo per renderlo automatico per davvero.