Tag Archives: rugby

Hey Luciani – the Fall

The Fall - la band di Hey Luciani

Da un paio di settimane vado a fare fisioterapia per la spalla. La fisioterapista sintonizza sempre la radio su K-Rock e faccio gli esercizi ascoltando con poca attenzione musica che di solito non mi solletica più di tanto.

Nel cervello delle persone però ci sono degli meccanismi che riescono a riattivare l’attenzione da uno stato di semi incoscienza. A me capita sempre quando scorro il giornale: se l’occhio intercetta delle “R“, “B” e “Y“, in una parola, io automaticamente leggo Rugby, e la mia attenzione si focalizza sull’articolo (non immaginate quanti articoli su RuBY ho letto in questo periodo!).

Stessa cosa con l’ascolto. Se capto la parola “Luciani“, da buon bellunese che è stato addiritturra a scuola e in appartamento con il nipote di papa Giovanni Paolo I, il mio ascolto si fa più attento.

Così ieri  il mio stato di trance da esercizio è stato interrotto dalla parola Luciani, perchè stavano trasmettendo un brano che non mi sarei mai aspettato in una radio rock.

E invece, The Fall, un gruppo post-punk inglese, ha dedicato una canzone proprio a papa Luciani, che aveva creato molte aspettative deluse per la sua dipartita anticipata.

Vi riporto il video e il testo.

http://www.youtube.com/watch?v=BBomZZz72d8

Aborteum.
I said Luciani
The future’s here today
I said Hey Luciani
Pope of three three days

They made out you were are an ultra nut
And had no time for your Christianity
You paid with your life for their treachery
The future’s here today
The future’s here to stay
Luciani

Hey Luciani
Jesus has gone away
I said Hey Luciani
Meet the Church, Bank, S.A.**

They said you were of peasant stock
And one day the curia murdered you
Your hermeneutics are through
And on that fruited plain
The corporate bishop’s graze
Exit church of poverty and pain
The future’s here today
The future’s here to stay

Hey Luciani
A pop star in your cell
I said Hey Luciani
A Polish son of Hell

You were the first John Paul I
How is it your ‘Christian’ is gone?
Can you see it from your grave?
The TV snow-storm on top,
The brass Holy Grail
Imitation for sale
The future’s here today
Luciani

And all the cowls are black
On an inquisition rack
The future’s here today
The future’s here to stay
Luciani

 

Tri Nations: chi fermerà gli All Blacks?

L’Australia, oggi, ha subito una delle più significative sconfitte della sua storia nei confronti degli All Blacks. E per fortuna che i tuttineri hanno concesso qualche giocata all’avversario, in virtù di alcune rilassatezze dovute all’evidenziarsi di un punteggio che, talvolta, aveva il sentore di una marea dilagante.

Fisicamente inarrivabili, unitamente ad un tasso tecnico fuori portata, oggi come oggi, per qualsiasi altra nazione gli All Blacks sono di un altro pianeta. Salvo poi smentirsi nell’ambito della futura coppa del mondo.
Neozelandesi aiutati forse da un arbitro attento a tratti, che è sembrato il figlio delle incertezze della nazionale rugbistica del suo Paese: il Sudafrica.
Oggi è lecito ed onesto lasciare da parte qualsiasi “se” ed ogni “ma”: i neozelandesi sono una spanna sopra tutti gli altri.
La parola, prossimamente, ancora al campo di gioco

Tre buone ragioni perché Chabal doveva stare zitto

Dopo la vergognosa figuraccia del calcio francese ai mondiali, ci ha pensato Sébastien Chabal, avanti della nazionale di Lièvremont, a debordare.
Chabal ha accusato i calciatori di non “avere rispettato la storia e la gloria della maglia che indossavano”.
Chabal si doveva stare ben zitto. Ed ecco i perché:
1. quasi tutti i giocatori della nazionale di calcio transalpina sono al momento extra-comunitari naturalizzati, o di origini tali, figli di razzismo, sofferenza e ghettizzazioni delle banlieues quindi senza un senso di appartenenza ad un paese che anzi nel corso della storia li ha sfruttati e maltrattati, e così anche con i loro padri e avi, e che indossano quindi quella maglia solo per convenienza economica;
2. lo stesso Chabal diverse volte nei Terzi Tempi, e anche dopo di essi, si è ubriacato provocando gli avversari e menando le mani e quindi disonorando il codice deontologico del giocatore di rugby union, a maggior ragione trattandosi di un palcoscenico internazionale;
3. Chabal crede che gli istinti primordiali di chi gioca a calcio siano conciliabili con la mentalità del nostro Union Code.
Lasciamo il calcio e la sua eterna stupidità ed ignoranza a loro stessi.
Play Up…the Union Code!!!

Giampaolo

Bokke 29, Italia 13

Oggi pomeriggio a Witbank (Mpumalanga RU) i Bokke hanno superato l’Italia per 29 a 13 (pt 22-3) nel 1° test del tour degli Azzurri.
I Bokke dei bidoni raccomandati da fattori non-sportivi e non-meritocratici (Ralepelle, Maku, Aplon, Steenkamp e Januarie) hanno disputato un match grigio e senza fantasia.
Ancora una volta le prepotenze razziali e politiche hanno dimostrato di non andare d’accordo con le logiche del rugby union utilizzando giocatori che sono solo il prodotto di una cecità e di una stupidità senza fine.
Ma tant è: contro l’ignoranza al potere è inutile qualsiasi ribellione.
Sabato prossimo, sempre con inizio alle ore 15.00, si avrà la seconda sfida tra le due squadre a East London.

Giampaolo

Parigi: ovazione per Invictus di Clint Eastwood

Guarda il trailer di Invictus

Una scena di Invctus
Una scena di Invictus

PARIGI – Mai in una sala cinematografica avevo visto tutti gli spettatori, ma proprio tutti – 215 – alzarsi in piedi e applaudire un film in modo così caldo e convinto. È successo ieri a Parigi in un cinema del boulevard Saint Germain alla fine di “Invictus” che racconta e celebra la vittoria del Sudafrica nella coppa del mondo di rugby del 1995.

Leggi l’intero su Repubblica l’articolo di Francesco Merlo: Parigi, tutti in piedi per il film anti-apartheid Ovazione per Clint Eastwood e Morgan Freeman.