Tag Archives: carcere

Carceri abbandonate

Un carcere italiano
Un carcere italiano

In questi giorni i nostri parlamentari e governanti sono tutti impegnati per riformare la giustizia. E’ una priorità!

Ovviamente la priorità è determinata dal fatto che Berlusconi potrebbe essere condannato e perciò i nosti eroi dedicano le loro energie per emanare provvedimenti “ad personam” per salvare Berlusconi.

Ma la riforma della giustizia non è solo il processo. Anzi, avendo risorse, probabilmente la nostra legge è già molto garantista.

Per esempio, si potrebbero facilitare le indagini e le intercettazioni, assumere più poliziotti, magari dotandoli di auto più nuove, di computer negli uffici. Nei tribunali potrebbero esserci più impiegati ecc. ecc.

E poi, una volta emesse delle sentenze di condanna, bisogna occuparsi della detenzione. In Italia è noto che le carceri sono sovraffollate. Ma costruire nuove prigioni non sembra prioritario.

La sinistra, perché crede che la costruzione di nuovi istituti di pena sia una politica di destra (meglio allora far stare da bestie i carcerati e fare qualche indulto/aministia di tanto in tanto o concedere gli arresti domiciliari).

La destra – che pure ha in programma la costruzione di nuove carceri – perché ritiene più urgente salvare Berlusconi dalla galera.

Eppure non sarebbe neppure necessario spendere tanti soldi per costruire nuove carceri. Basterebbe mettere in funzione quelle ultimate e mai inaugurate o ristrutturare quelle abbandonate.

Per farsi un’idea di questo enorme spreco di denaro pubblico vi invito a leggere sul sito GRnet.it l’articolo:

Carceri: 40 gli istituti penitenziari già costruiti, spesso ultimati, a volte anche arredati e vigilati, che però sono inutilizzati e versano in uno stato d’abbandono totale


Aggiornamento (il giorno dopo…)

Non si fa in tempo a parlarne che questo efficientissimo governo tramite il suo ministro Alfano emana subito un provvedimento carceri. Ovviamente non si parla di ristrutturare ma di costruire ex novo.

Riporto il commento di Massimo Donadi, capogruppo dell’Italia dei Valori alla Camera: “L’emergenza carceri esiste, ma il piano del governo è una bufala”. “Il piano è un indulto mascherato perché sono 20.000 i detenuti che devono scontare ancora un anno di pena. Torneranno in libertà e sarà difficile controllarli, con evidenti conseguenze per la sicurezza dei cittadini”. “Il governo, inoltre, deve spiegarci perché annuncia la costruzione di nuove carceri quando sono decine quelle già esistenti e inutilizzate. Anche l’assunzione di 2.000 nuove unità è poco credibile perché questo governo ha tagliato molto i fondi destinati al comparto sicurezza”.