Tag Archives: pd

Berlusconi è decaduto. Grazie Grillini

Colpo di Stato - Grazie Grillini 2

 

[note radius=”10″]Oggi, 27 novembre 2013, il Senato Italiano ha votato per far applicare la legge e Berlusconi è decaduto. Da oggi Berlusconi non è più senatore. [/note]

Per fare decadere Berlusconi non era necessaria la condanna in via definitiva. In un paese normale sarebbe stato sufficiente un avviso di garanzia. Anzi, visto che non avrebbe dovuto neppure candidarsi in quanto titolare di concessioni pubbliche, Berlusconi sarebbe dovuto rimanere fuori dal parlamento anche se innocente.

Eppure è rimasto in parlamento per quasi 20 anni.

Questo perché l’opposizione (PDS, DS, PD) in tutti questi anni ha scelto di non fare opposizione vera, di non far rispettare la legge, di sostenerlo e di governarci insieme.

Cos’è cambiato in questa legislatura? Perché oggi – finalmente – la legge è stata applicata?

Non mi rallegra doverlo ammettere, ma l’unica differenza evidente è la presenza in parlamento in un bel gruppo di parlamentari dei 5 stelle. Inesperti e utopisti, inconcludenti e poco pratici, relegati in un angolo dalle larghe intese e guidati da una testa calda (anzi due) con venature razziste e di destra che non mi piacciono neanche un po’. Però hanno avuto l’indubbio merito di costituire una forza importante di VERA opposizione che alla fine ha costretto anche il PD a fare i conti con il proprio elettorato e lo ha obbligato fare un po’ di opposizione.

In questi mesi, il PD si è reso conto che, o si liberava di Berlusconi, sarebbero stati gli elettori a liberarsi del PD. E allora, giocoforza, ha preso in considerazione anche l’ipotesi di far liberarsi di lui.

Mi dispiace doverlo ammettere, ma credo proprio che, se non ci fosse stato il movimento 5 stelle, Berlusconi sarebbe ancora al suo posto.  Perciò, pur rimanendo molto critico nei loro confronti, per il momento non posso far altro che ringraziarli.

 

Arriva l’inciucio tra PD e PDL per non eleggere Rodotà. Che faranno i suoi elettori?

Il PD non vuole Rodotà e preferisce accordarsi con Berlusconi per rieleggere Napolitano.

E’ passato meno di un giorno da quando il PD ha tolto la maschera e ha gridato al mondo: “Il PD non è un partito di sinistra. Il PD è uguale al PDL, tant’è vero che abbiamo lo stesso leader: Silvio Berlusconi”.

Grazie-PD

Nota: per PD intendo l’evoluzione del PCI da Ochetto in poi. O forse anche del PCI da Berlinguer in poi.

Gli elettori del PD (e io mi vanto di non essere tra questi) sono sconcertati. Continue reading Arriva l’inciucio tra PD e PDL per non eleggere Rodotà. Che faranno i suoi elettori?

Il Titanic affonda, e loro ballano!

manifestazione-pd
partito democratico

La situazione economica e politica è nota. La Repubblica è in pericolo sotto gli attacchi del Caimano. A tutti, e specialmente ai più poveri, viene richiesto di fare ulteriori gravissimi sacrifici. La società civile appare allo sbando sotto i colpi del malgoverno e della corruzione. Ci si aspetterebbe che il principale partito d’opposizione, il PD, fosse in prima fila a combattere questa battaglia decisiva per il futuro del Paese. Che tutti i PD, come un suol uomo, cercassero di frenare l’avanzata della melma che ci sovrasterà tutti. E invece no. Che fanno? Discutono a tutti i livelli e in tutte le sedi come ci si debba chiamare, se ancora “compagni” o “amici” o quel cappero che vi pare. Ma è possibile? Sono incredulo, basito, desolato. Verrebbe voglia di mandarli veramente tutti a quel paese, anzi di lasciarlo noi questo Paese assurdo, sfilacciato, ingovernabile e corrotto. Specialmente corrotto.

Orso (compagno? amico? quel cappero che vi pare?) Marsicano

Dialogo, compromesso e inciucio con Berlusconi

Qual è la giusta opposizione?

D'Alema mentre si gonfia
D'Alema, mentre si gonfia

In questi giorni, specialmente dopo l’aggressione a Berlusconi a colpi di souvenir, quella parte di mondo politico e anche di persone comuni che si contrappongono a lui e ai suoi seguaci, hanno assunto due atteggiamenti distinti:

  • chi – come buona parte del PD, D’Alema in primis, continua a lavorare alla ricerca di  un dialogo, un’accordo, un inciucio con la controparte
  • chi – come parte del PD, Rosy Bindi, Di Pietro, l’IDV e anche una gran parte dei cittadini comuni –  rimane fermissimo nella contrapposizione al PDL e al suo leader Silvio Berlusconi.

I primi cercano di stabilire quello che definiscono un clima più sereno costruttivo e lanciano (lo fanno da anni) argomenti di dialogo, propongono compromessi, cercano inciuci; i secondi invece vogliono la fine politica di Berlusconi, del suo modo di pensare e di agire

Di Pietro Intransigente
Di Pietro, intransigente

Purtroppo questo crea una profonda frattura all’interno dell’opposizione. I primi accusano i secondi di essere troppo duri e che senza dialogo non si arriva da nessuna parte, i secondi, invece ritengono che l’errore stia proprio nella ricerca del dialogo con Berlusconi e i suoi.

Io mi riconosco nel secondo modo di pensare, e vorre cercare di spiegare – innanzitutto a me stesso – perché ritengo corretta l’opposizione intransigente a Berlusconi e perché penso sia un errore riconoscergli una legittimità.

Rosy Bindi Determinata
Rosy Bindi, determinata

In politica è doveroso cercare il dialogo e, a volte, anche il compromesso.  Il dialogo e  il confronto sono alle basi della convivenza civile e il fondamento per la costruzione di un mondo migliore. Ma perché possa portare a qualche risultato concreto si pratica il dialogo solo con chi accetta i fondamenti dello Stato in cui viviamo: democrazia, rispetto della legalità e dei principi e valori che sono alla base della Costituzione.

Al contrario, chi non accetta queste basi non vuole questo dialogo: lo rifiuta. Non è un caso così infrequente: il rapinatore che mi punta il coltello alla gola; le società segrete che cercano di sovvertire lo stato; le organizzazioni criminali.  E siamo tutti d’accordo che con queste entità non si cerca il dialgo, si combattono e basta, per cercare metterle in condizioni di non nuocere. Punto.

Tutte le entità di questo tipo sono definite appunto “fuorilegge“, perché hanno in comune il rifiuto delle basi comuni di convivenza civile che abbiamo citato prima e cercano di imporre i loro valori, i loro comportamenti. Con un oppositore politico, posso e devo cercare motivi di dialogo, con un fuorilegge no, per un motivo molto semplice: i principi e i valori dei fuorilegge, se messi in pratica, distruggono e annullano quelli della società civile.

Perciò io non voglio cercare compromessi con i fuorilegge. Accettare un confronto ed un dialogo con loro con i fuorilegge significa riconoscere loro una forza e dignità che non possiedono, per loro scelta, perché hanno deciso scientemente di non accettare queste basi comuni.

Questo é ciò che sta facendo Berlusconi da anni, non accettando la Costituzione, non riconoscendo la validità della legge (infrangendola o aggirandola o modificandola a suo vantaggio, non accettando il giudizio della magistratura, annullando il ruolo di garanzia del Capo dello Stato. Berlusconi attacca su tutti i fronti quelle basi, quei principi, quei valori che rendono possibile l’instaurarsi di un dialogo civile.

Accettare un dialogo con chi si comporta in questo modo ci pone nelle stesse condizioni di una vittima di un’aggressione, che accetta di “dialogare” con il rapinatore per avere salva la vita o per limitare i danni. Ma questo non è un dialogo. E una strategia di sottomissione per limitare il danno, un atteggiamento che lo Stato non deve avere, che i politici non devono avere, che i comuni cittadini non devono avere.

L’unica speranza per instaurare un dialogo il PDL e con Berlusconi è un suo cambio di registro. Berlusconi deve cominciare accettare tutte le regole all’interno delle quali si muove la società italiana. Solo in questo caso, sarà possibile iniziare un paziente lavoro politico alla ricerca di un confronto e di un dialogo. Fin quando questo non avverrà, cercare un dialogo non porta alla sconfitta è la sconfitta! Ogni tentativo di dialogo con Berlusconi e il PDL è un’accettazione del suo gioco e delle sue regole, che non sono quelle che animano un paese civile e democratico.

Berlusconi, dietro le sbarre
Berlusconi, dietro le sbarre

Un primo passo per farci capire di aver “accettato le regole del gioco”, potrebbe essere quello di accettare la magistratura e i processi a suo carico. Se sarà assolto, sarà una controparte politica, con la quale sarà doveroso per tutti cercare un dialogo, un compormesso. Se sarà condannato, si toglierà di mezzo, per indegnità.

In entrambi i casi, la sua accettazione del processo, ci farebbe capire se abbiamo a che fare con un avversario politico o con un fuorilegge. Se il “dialogo” è possibile oppure no.

E fino a quel momento l’unica opposizione possibile, che dia qualche speranza di vittoria, è quella intransigente.