Tag Archives: elio e le storie tese

Il sogno di Todora (o il sonno di Todora?)

Il mistero delle voci bulgare – Le Mystère des Voix Bulgares

Dopo un paio di settimane di attività varia e molto intensa, ho ritrovato un po’ di tempo per spulciare tra gli scaffali alla ricerca di qualche CD da riascoltare, tra quelli che avevo comprato prima ancora di avere il lettore, per tentare di trovare qualche traduzione. Questa volta mi è capitato tra le mani questo splendido “Le Mystère des Voix Bulgares – volume 1

Si tratta di un coro femminile, conosciuto anche come “Bulgarian State Television Female Vocal Choir“, che dal 1952 propone composizioni orginali ma ispirate alla tradizione musicale bulgara. All’epoca le avevo “scoperte” leggendo un’articolo sul settimanale “Avvenimenti”, ma pochi anni dopo questo coro femminile era diventato noto anche in Italia perché Elio e le storie Tese, nel loro album “İtalyan, rum casusu çikti” avevano cantato con loro nel brano “Pippero“.

Alcuni anni dopo uno dei loro brani più popolari “Kaval Sviri” divenne la base per il tema principale di Xena – Principessa Guerriera.

Questo coro a cappella, come dicevo, propone sonorità alle quali non siamo molto abituati e che risentono di una antichissima tradizione musicale. Molti secoli in una terra di confine tra oriente e occidente hanno prodotto un stile canoro unico, fatto di ritmi, dissonanze, e intervalli musicali insoliti.

Non ho trovato molte traduzioni dei brani, nè in inglese né tantomeno in italiano. Il bulgaro non lo so e il cirillico è pure difficile da leggere.  Quello che segue è quello che ho capito io, lavorando di traduzioni automatiche e copia&incolla di materiale trovato in rete. La “traduzione” di uno dei brani la riporto comunque, ma abbiate pietà.

Il brano è la dolcissima ninnananna “Polegnala e Todora

Polegnala e Todora – Полегнала е Тудора

Testo originale in bulgaro

Полегнала е Тудора

Полегнала е Тудора,
мома Тудоро, Тудоро,
под дърво, под маслиново,
мома Тудоро, Тудоро.

Повея ветрец горнинец,
мома Тудоро, Тудоро,
откърши клонка маслина,
мома Тудоро, Тудоро,
че си Тудора събуди,
мома Тудоро, Тудоро.

А тя му се люто сърди,
мома Тудоро, Тудоро,
“Ветре ле, ненавейнико,
мома Тудоро, Тудоро,
сега ли найде да вееш!”
мома Тудоро, Тудоро.

“Сладка си съня сънувах,
мома Тудоро, Тудоро,
че ми дошло първо либе,
мома Тудоро, Тудоро,
и донесло пъстра китка,
мома Тудоро, Тудоро.
И донесло пъстра китка,
мома Тудоро, Тудоро,
а на китка златен пръстен!”
мома Тудоро, Тудоро.

Traduzione (abbiate pietà)

Tra un verso e l’altro c’è sempre “Moma Todora, Todora” (мома Тудоро, Тудоро) che forse vuol dire “Ragazza Todora,”

Todora si è addormentata
Sotto un albero, sotto un olivo

Ma il vento soffiando
Ha rotto un ramoscello d’olivo
E ha svegliato Todora

Todora si è molto arrabbiata con il vento
“Vento! Non smetti mai di soffiare!
Dovevi soffiare proprio adesso?!”

“Stavo sognando un sogno dolcissimo,
Era arrivato il mio primo amore,
E mi aveva portato un mazzo di fiori colorati,
E mi aveva portato un mazzo di fiori colorati,
Un mazzo di fiori colorati legati da un anello d’oro”

Nota: Se qualche visitatore italo-bulgaro volesse contribuire con una traduzione migliore, può scrivere nei commenti

Questa volta non aggiungo qualche mia foto perché la Bulgaria non l’ho visitata. L’ho solo attraversata andando in Turchia in auto, ma non ho visto nulla. Anzi.. potrebbe essere un’idea per le vacanze di quest’anno. Cose da vedere in Bulgaria ce ne sono

Per approfondire

 

Come parlavano i babilonesi? Teorie e fatti reali.

Eufrate
Il fiume Eufrate (foto di giovanni sonego)

Non so perché, ma fin da bambino sono stempre stato affascinato dalle civiltà della mesopotamia. Forse perché gli antichi abitanti di quelle terre avevano elaborato miti che durano fino ai nostri giorni, o perché da quelle popolazioni ha origine la civiltà come la conosciamo oggi. Non so, però, ad esempio, se faccio una vacanza a Parigi, non manco mai di visitare la sezione assiro-babilonese oppure mi sono andato a leggere l’epopea di Gilgamesh (dove l’eroe incontra Utnapisthitim, che come Noè costruisce una barca e si salva dal diluvio) o roba del genere e notizie di quelle popolazioni riescono a richiamare facilmente la mia attenzione.

Utnapistim in un sigillo assiro babilonese

Qualche giorno fa è stata diffusa  la notizia di un ricercatore inglese dell’università di Cambridge, Martin Worthington, che ha pubblicato su un sito alcuni poemi assiro e babilonese e li ha letti dando un suono plausibile a quell’antica lingua morta.

E’ un lavoro, per me, incredibilmente affascinante. Se nessuno parla più queste lingue, com’è possibile dare loro un suono? Si tratta di soprattutto di un lavoro di confronto con le lingue conosciute e correlate (Arabo, Ebraico, Etiopico), o di capire le fonti con parole assire o babilonesi, sono scritte usando alfabeti noti, come il greco o l’aramaico.

Sono andato ad ascoltare e vi ripropongo alcuni collegamenti.

Veniamo però a qualcosa di più comico

Qualche giorno dopo,su Radio DJ, Linus e quei folli di Elio e le storie tese hanno ripreso l’argomento e hanno riascoltato l’inno ad Ishtar e hanno cercato di dare una loro interpretazione.

http://www.youtube.com/watch?v=jr1uzizpMTU