Category Archives: Varie

Il popolo del web, maieuta delle fregnacce

Vediamo se ho capito: quest’oggi il popolo del web è “in rivolta” (l’avrò letto sei o sette volte in cinque minuti, nei posti più…

Source: libernazione.it

In questi giorni è comparso un "articolo" in cui si afferma che l’ONU (nientepopodimenoche) abbia pianificato l’introduzione di pedofilia e omosessualità come metodi pedagogici. Si tratta di una congiura mondiale che prevede la diffusione della masturbazione nelle scuole materne e i campi di rieducazione LGBT… 

Il "popolo del web" si è indignato ed è "in rivolta". Il bravo Capriccioli ci informa sull’origine di questa teoria, il bollettino parrocchiale di Rivarolo, e ci spinge a riflettere: se nessuno ne avesse parlato questa "notizia" non esisterebbe. E’ stata proprio "la rivolta su web" a far nascere la notizia e a trasformare questo delirio in qualcosa degno di nota. 

 

Capriccioli ci invita anche ad occuparci di cose serie. Nessuno dovrebbe occuparsi di questo colossale puttanata. Giusto. Ha ragione. Quella "notizia" è una boiata talmente evidente! Forse anch’io non dovrei parlarne più. 

Ma quello che mi preoccupa, quello sui cui vorrei rivolgere l’attenzione non è la notizia in sé (lo sappiamo che si tratta di un delirio), ma il fatto che il cosiddetto "popolo del web", quando si tratta di valutare e selezionare ciò che passa nel flusso mediatico, ha capacità di discernimento quasi nulle.

E questo mi fa nascere una serie infinita di domande.

Possibile che in un paese moderno, con una scuola dell’obbligo che in certi casi viene presa addirittura come esempio da altre nazioni, non riesca ad avere una maggioranza di persone in grado di distinguere al volo le notizie commestibili dalla merda?

Possibile che la quota maggioritaria della popolazione tranguigi queste idiozie senza porsi il minimo dubbio? 

Se la maggioranza della popolazione crede, diffonde e fonda le proprie convinzioni con queste ridicole capacità di giudizio, siamo sicuri che il "metodo democratico" sia davvero un buon metodo per decidere su qualsiasi argomento? 

Non è che questo livello di "creduloneria diffusa" viene alimentato da chi è più bravo a sfruttarlo?

In cosa differisco Berlusconi, Renzi e Grillo quando si parla di diffusione delle fandonie? 

Come si può cambiare questo drammatico stato di cose?

Ha ragione Capriccioli: occupiamoci di cose serie, ma questo problema, a voi non sembra serio?

See on Scoop.itNotizie Farlocche

Perché il complottismo piace tanto?

Ve lo sarete chiesti tutti, almeno una volta: com’è possibile che (metteteci pure il nome che preferite), una personcina così intelligente, creda ciecamente alle…

Source: libernazione.it

Di tanto in tanto ci imbattiamo qualcuno che manifesta granitiche certezze in una di quelle puttanate che a noi sembrano assolutamente incredibili. Com’è possibile che una persona con un po’ di sale in zucca creda a simili scemenze? La risposta immediata e banale è: perché è scemo e sale in zucca non ce n’ha.

Ma a volte capita che qualche persona che conosciamo e che stimiamo, qualche persona per altri versi intelligente, profonda e stimolante manifesti apertamente la sua profonda convinzione in una di quelle puttanate.

E in questo caso, la risposta "è scemo" non basta più e ci manda in corto circuito. Bravo Capriccioli, ad affrontare questa domanda che in ci siamo posti parecchie volte e bravo anche a suggerire offrire tre spiegazioni sulle ragioni del successo del complottismo:

 

1. Il complottismo è rassicurante

2. Il complottismo fa sentire intelligente chi lo pratica

3. Il complottismo ha sostituito Dio.

 

Simpatica anche la conclusione.

See on Scoop.itNotizie Farlocche

Selezionate da Internazionale

C’è un giudice a Francoforte

Il tribunale di Francoforte ha fermato UBER l’app per condividere viaggi in auto. Per i trasgressori è prevista una multa di 250 mila euro o 6 mesi di carcere. UBER ha fatto capire che comunque continueranno ad offrire il servizio. E vorrei anche vedere…

Facebook è una società privata

Lo fa notare Giovanni De Mauro nell’editoriale dal titolo “Recintato”. Dice De Mauro: “Tutto quello che viene regalato a Facebook dagli utenti resta rinchiuso lì, cioè non finisce, se non in minima parte […] e quindi non torna in circolazione come patrimonio collettivo: è un walled garden, un giardino recintato, tutto l’opposto dello spirito di condivisione su cui dovrebbe fondarsi Internet”

Il Paracetamolo non è acqua fresca

Mi hanno “costretto” ad usare il paracetamolo a posto del mio preferito acido acetilsalicilico, perché dicono che sia innocuo. Una piccola rivincita arriva dall’articolo “La cura imperfetta” in cui si spiega che il paracetamolo non si può assumere come se fosse acqua fresca. E non cura proprio tutto.

Film da vedere

Le cose belle.

Di Agostino Ferrente e Giovanni Piperno, Italia 2013.

BirdMan.

Di Alejandro González Iñárritu. Stati Uniti 2013

Libri da Leggere

La città ai confini del cielo

Un romanzo dedicato al grande architetto ottomano Sinan
di Elif Shafak, Rizzoli.

Musica da Ascoltare

Ta hrei tis kardias sou
di George Dalaras

Perché un elettore del PD dovrebbe votare Bortolotti?

cavalletteNon capisco il terrore dell’elettore medio del PD. E’ vero che si tratta di gente che quando si riempie di coraggio, si astiene (vedi ad esempio Civati che vota contro quando è sicuro di non contare un cazzo. Se pensa che il suo voto possa influire, allora si astiene…), ma se con un elettore tipico PD provi solo a ipotizzare “Bortolotti sindaco” cominci a vedere musi lugubri listati a lutto, gente disperata che ulula e strepita, come se Modena – in un caso del genere – venisse colpita da un epidemia di ebola, precipitasse nel medioevo o fosse colpita da una serie di tremende piaghe padane.

Ma cosa potrebbe succedere davvero se venisse eletto sindaco Marco Bortolotti?

Il buon Bortolotti si troverebbe di fronte un consiglio comunale a maggioranza PD, un ferocissimo cane da guardia, pronto a sbranarlo al primo errore. Se provasse a fare qualcosa non gradito dal PD non avrebbe speranze di farla passare. L’unica possibilità di Bortolotti per fare il sindaco di Modena è di seguire una linea d’azione condivisa anche dal PD. Sarebbe quasi un sogno: un sindaco che fa cose che piacciano a tutta la città, dai sostenitori del M5S ai sostenitori del PD (e anche da tanti altri). Sarebbe uno spettacolare capolavoro di mediazione, piuttosto difficile, ma sarebbe davvero un buon governo per la città di Modena. O, per lo meno, sarebbe una cosa molto democratica….

Ne caso peggiore invece, cioè se Bortolotti governasse male o non riuscisse proprio a governare cosa potrebbe succedere? Nulla di grave, ma – semplicemente – si tornerebbe a votare nel giro di pochi mesi. Sembra strano, ma non è nulla di tremendo. II Comune di Modena è formato da circa 2.000 dipendenti e dovrebbe essere abbastanza robusto da resistere a qualche mese di governo non PD. (Se non lo fosse, sarebbe solo un’ulteriore conferma che è stato governato da bestia)

Per il PD, in fondo si tratterebbe solo di una sosta ai box. Una sosta ristoratrice benefica per giunta, perché obbligando il PD a non governare per qualche mese la città di Modena, gli elettori dello stesso PD manderebbero alla dirigenza alcuni segnali chiarissimi:
a. gli elettori del PD non sono disposti a votare chiunque
b. gli elettori del PD non apprezzano Muzzarelli (che infatti ha preso meno voti come candidato di quanti ne abbiano presi le liste che lo sostenevano)
c. gli elettori del PD hanno bisogno di aria nuova

SINTESI FINALE.

  • Se Bortolotti governa bene, abbiamo fatto bene a cambiare
  • Se non riesce a governare bene, si torna a votare in tempi brevissimi con il vantaggio innegabile che nel caso di nuove elezioni il PD non potrebbe più proporre Muzzarelli. Ci sarà anche qualcun altro in quel grande partito, o no?

Ecco perché un buon elettore PD, che vuole bene al suo partito dovrebbe proprio votare per Bortolotti.