Boowling a Columbine.

Suggerimento per un film. Bowling a Columbine di Michael Moore. Ce lo siamo guardati in DVD (ma va benissimo anche la normale videocassetta, non c’e’ bisogno di effetti speciali…). La sparatoria di Columbine, nel 1999, durante la quale due studenti diciassettenni uccisero una dozzina di persone, ha fatto scattare in Moore l’idea di realizzare una inchiesta sull’uso delle armi negli Stati Uniti. Il regista visita i luoghi della sparatoria, parla con i protagonisiti, visita banche e e fabbriche d’armi. Con un’aria pacioccona Moore, arriva dappertutto. Anche nelle case private. In quelle dei cittadini canadesi che non chiudono la porta a chiave e lo accolgono con simpatia. In quella di Charlton Heston (si’ proprio quello di Ben Hur e attuale presidente della RFA l’associazione dei fabbricanti d’armi) che non riesce a difendersi da domande semplici, poste educatamente e che infine “fugge”. Ma oltre che nelle case, Moore arriva anche nel cuore e nella mente degli spettatori. Dimostra che con un pizzico di buona volonta’ si possono fare grandi cose. Come, ad esempio, convincere una grande catena di supermercati a non vendere piu’ proiettili nei propri negozi. Grazie Moore.

A proposito. Il film mi piaciuto così tanto che non ho saputo resistere e oggi mi sono comperato pure Stupid White Man, l’ultimo libro di Michael Moore.

Saliera di Cellini

Saliera di Celllini
Saliera di Celllini

La scorsa settimana, per il ponte del primo maggio, abbiamo trascorso qualche giorno a Vienna. Era da quando avevo una dozzina d’anni che non ci andavo e non mi ricordavo molto. Abbiamo visitato diversi musei e passeggiato fino a schiantare… Al museo Kunsthistorische abbiamo visto opere d’arte davvero notevoli, come ad esempio la “Saliera in oro” di Benvenuto Cellini.

Oggi leggo che e’ stata rubata. Ricordo che avevo proprio pensato che c’era una sorveglianza molto “discreta” ed avevo fatto le stesse riflessioni del direttore del museo. E’ un’opera talmente bella, unica e nota che è assolutamente invendibile.