Category Archives: Media

La macchina del tempo in un CD – Grecia anno 2000

Un paio di giorni fa si è diffusa la notizia che un team di scienziati russi, utilizzando un computer quantistico, sarebbe riuscito a invertire la freccia del tempo.

Cosa voglia dire non l’ho mica capito bene, ma pare che questa inversione sia durata una frazione di secondo e, mettono in guardia gli scienziati, non si può certo parlare di macchina del tempo.

Ebbene, questa mattina sono riuscito a fare una cosa simile, con un esperimento che potete replicare facilmente a casa vostra. Ho ravanato negli scaffali della mia libreria e ho trovato un CD comprato in Grecia, quando abbiamo fatto il nostro primo viaggio con un camper vero.

E zakkete! Senza computer costosi, è bastato riascoltarlo per ritrovarmi a viaggiare a ritroso nel tempo per ben 19 anni, quando abbiamo passato un paio (o forse erano tre?) di settimane intensissime in Grecia girando per un paese profumatissimo, con un mare splendido e siti archeologici da urlo. Mi è sembrato di risentire la voce mia figlia, all’epoca era appassionata di mitologia greca, che ogni sera ci raccontava le storie degli dei litigiosi. Ho risentito il sapore del polpo mangiato nei ristorantini in riva al mare, mi sono rivisto mentre con la torcia elettica ci infilavamo nei cunicoli di Micene , o mentre correvamo negli stadi di Olimpia e Delfi o declamavamo poesie nei gli antichi teatri.

Insomma se avete voglia e tempo e soprattutto se non possedete un computer quantistico, ravanate un po’ anche voi tra gli scaffali, sono sicuro che salterà fuori qualcosa di magico. Chiunque può viaggiare nel tempo.


La musica

Il CD che mi ha fatto viaggiare nel tempo è Θεσσαλονίκη – Γιάννενα Με Δυο Παπούτσια Πάνινα di Γιώργος Νταλάρας  (Thessaloniki – Yannena with Two Canvas Shoes di Giorgos Dalaras) e la canzone che apre il CD è Σου άξιζε μια καλυτερη αγκαλιά  (Sou Aksize Mia Kalyteri Agalia ) per la quale ho trovato questo traduzione

Ti meritavi un abbraccio migliore

Non mi interessa con chi ascolti questa canzone stasera
Non mi interessa con chi ascolti questa canzone stasera
Ti meritavi un abbraccio migliore
Ti meritavi un abbraccio migliore
Non mi interessa con chi ascolti questa canzone stasera

Scrivimi solo una lettera
che non leggerò mai
Intorno a noi, il fuoco infuria

Scrivimi solo una parola o due
A proposito di persone e luoghi
Che non vedremo mai insieme

Nessuno mi ascolta stasera, e niente mi aiuta
La mia chitarra è arrabbiata con me stasera, e non sta parlando con me

Cammino su vetri rotti
Cammino su vetri rotti
Non mi interessa con chi ascolti questa canzone stasera

Scrivimi solo una lettera
Che non leggerò mai
Tutto intorno a noi, il fuoco infuria
Basta scrivermi una parola o due
A proposito di persone e luoghi
Che non vedremo mai insieme

Immagini

Poche foto di quella vacanza (non so perché ma non avevo molta voglia di fare foto) ma qualcuna l’ho trovata.

 

La Corsica e i Muvrini

Non ascolto molta musica, ma ogni tanto, di solito il sabato o la domenica, prima di fare colazione cerco tra i vecchi CD qualcosa da ascoltare . Questa mattina mi è capitato tra le mani un CD che avevo comprato in Corsica nel 1998, l’unica volta che ci sono stato. Una terra bellissima dai grandi contrasti, con belle montagne, boschi e belle spiagge e scogliere. Una terra “selvaggia”.

Avevamo fatto una passeggiata in montagna, vicino a Corte, e alla fine della camminata c’era un lago e un rifugio. I due gestori sembravano dei pastori, più che dei ristoratori. Ma con un tocco di modernità avevano un lettore CD portatile e stavano ascoltando questo disco. Ho chiesto come chi cantava. “I muvrini”, mi hanno detto, “i mufloni”. Un nome adatto al luogo, ho pensato, e appena tornato a valle me lo sono comprato.

Ci sono delle canzoni bellissime. Ve ne propongo una col testo in corso che tanto si capisce benissimo.

Eo è tù

Dammi nutizie di u to viaghju
Imprestami l’ale d’un altru vulà
È s’e e vite si ponu rifà
A meia conta i ghjorni chì sà
A meia solu ùn la sò navicà
Dammi u tempu d’un altru curagiu
È nantu à l’ore chì mancanu à mè
Dicie sempre ùn aghju ch’è à tè
Eo per pena vurria sapè
S’è à d’altre rive u to core stà bè
Eo è tù
Quandu a notte ùn ne finisce più
Ghjè u silenziu dì tè
Chì mi parla u più
È s’ellu trica u celu di maghju
L’altru battellu chì voca l’età
Tù sai leghje l’avvene chì và
Dimmi per noi chì tempu farà
L’amore morte s’elle ponu vultà
Eo è tù
Quandu a notte ùn ne finisce più
Ghjè u silenziu dì tè
Chì si sente u più
Eo è tù
Ghjè u silenziu dì tè
Chì mi parla u più …

Visto che ci sono (e che le avevo scandite) pubblico qui anche qualche foto di quel viaggio.

(forse si vedono meglio su Google foto)

#tenyearschallenge e il riconoscimento facciale

Avrete visto tutti, in questi giorni, passare su FB le foto in accoppiata di tanti vostri amici. Una foto attuale e una di 10 anni fa. E’ la #tenyearschallenge e magari anche voi avete già postato l’impietosa accoppiata.

E’ divertente, bisogna ammetterlo.

Però Kate O’Neill (*) una celebre esperta di tecnologia (sulla cui obiettività personalmente nutro qualche dubbio) si pone una domanda: “Rifletto su come questi dati potrebbero essere usati per addestrare algorimi di riconoscimento facciale, stima dell’età e invecchiamento?”

E questo riflessione fa riflettere anche Enrico Pitzianti su Esquire: è il caso di abboccare alle mode degli hashtag e pubblicare le proprie foto che potrebbero essere utilizzate per mille scopi diversi?

Come spesso accade la risposta non è univoca, ma porsi la domanda e decidere con cognizione non è un esercizio inutile.  L’unica risposta sbagliata, conclude Piztianti, è diffondere senza pensarci, farlo senza consapevolezza.


(*) Non Cathy O’Neil, autrice di “Armi di distruzione matematica”

La regola dell’uno per tre

Siamo in Gennaio, mese di buoni propositi, siamo ancora in tempo no?

Ne ho appena letto uno che mi sembra  particolarmente utile da diffondere in questi tempi di social networking estremo, ma da applicare alla vita reale facendolo rientrare nelle buone abitudini,  quelle che dovremmo interiorizzare e mettere in pratica ogni giorno.

Quindi, anche se non è mio, eccolo qui.

Per ogni pensiero indignato bisogna farne tre costruttivi. Per ogni lamento, tre proposte. Per ogni critica, tre idee di futuro. È fondamentale darsi il permesso di condividere o scrivere un post critico a patto di compiere poi tre gesti propositivi.

Leggo sempre più spesso liste di motivi per cui vale la pena indignarsi, infinite ricapitolazioni degli errori (reali, sia chiaro) degli altri, e mi sembrano sempre più delle preghiere laiche con cui gli indignati, i soggiogati, gli oppressi chiedono al Potere di tenerli ben saldi nella propria indignazione: in fondo una critica ben assestata a un ministro porta montagne di like, un “non l’avrei mai detto ma si stava meglio quando c’era il Nano” genera infinite condivisioni e pacche sulle spalle, e con la stupidità e la cattiveria al potere sprecare il proprio potenziale da parte di chi si considera buono e intelligente può portare un discreto successo personale senza troppo impegno, a scapito però di un’azione politica collettiva che cambi davvero qualcosa.

Quindi, la prossima volta in cui ti troverai davanti una lista di quindici punti per cui vale la pena indignarsi per le malefatte di qualcuno, usala come strumento per immaginare quarantacinque desideri su un futuro migliore.
A quel punto non avrai più tanta voglia di parlare dei quindici punti di prima, perché i tuoi quarantacinque ti sembreranno decisamente più urgenti. E lo saranno davvero.

Andrea Colamedici


Andrea Colamedici e Maura Gancitano formano una coppia di filosofi piuttosto in gamba, e sono tra i fondatori di Tlön (scuola di filosofia, casa editrice, libreria teatro) .  Mi piacciono molto, mettono a disposizione un sacco di riflessioni, concetti, video, lezioni. Una valanga di spunti interessanti, anche se –  per fortuna – non condivido tutto quello che raccontano.

link al post originale su facebook

Fabrizio De Andrè ci ha lasciato 20 anni fa

Volevo ricordare Fabrizio de Andrè morto vent’anni fa, quando avevo da poco compiuto 36 anni e mi trovavo nel periodo più intenso della mia vita.   Mi sembra quasi “doveroso” scrivere qualcosa perché la musica di De Andrè mi ha accompagnato dall’infanzia e non ha cessato di accompagnarmi dopo quell’11 gennaio del 1999.  Se prima aspettavo da lui qualcosa di nuovo poi ho riascoltato centinaia e centinaia di volte le sue canzoni, da solo, con gli amici, con la famiglia. Le canzoni di De André, le sue parole, ed è la magia di questi capolavori, si adattano a chi le ascolta, al momento che sta vivendo,  a volte ricordando un momento passato altre volte raccontando qualcosa di nuovo.

Allora ho scritto qualcosa, ma rileggendolo mi è sembrato tanto banale e scritto male che ho pensato che sarebbe stato meglio se me lo fossi tenuto per me.

Perciò mi limito a ricordare qualche canzone che in questo momento mi sembra particolamente bella, pure sapendo che che quando riproverò a fare un elenco simile in futuro Fabrizio mi saprà suggerire qualcosa che non avevo sentito,  mi regalerà brividi e emozioni che non avevo avvertito, e le canzoni saranno altre, e in questo sta la sua grandezza.

 

La canzone dell’amore perduto

Mi è sempre piaciuta un sacco.  Sono stonatissimo e questa è quella che mi dispiace di più quando, provando a cantarla, la violento.

 

Via del campo.

Questa forse è la prima che ho sentito. Ero a casa della zia e avrò avuto una decina d’anni.

Ave Maria

Sembra strano che io, ateo, metta nella mia hit una canzone che si intitola come una preghiera… ma è così bella.

Il testamento di Tito

Una canzone che la dice lunga sull’ipocrisia di molti esseri umani

 

Prinçesa

Perché fino all’ultimo non ha mai smesso di interessarsi agli ultimi della terra.

 

P.S. Ho scelto una foto di copertina mentre De Andrè fuma perché ricordo la rabbia che ho provato quando è morto per un tumore ai polmoni.  Ho pensato, ma come hai fatto a non capire che fumando avresti aumentato a dismisura la possibiltà di creapare di cancro, perché hai voluto privare il mondo del tuo immenso talento? Forse è un sentimento un po’ egoistico, in fondo ognuno deve avere diritto di crepare come gli pare, ma niente da fare una rabbia che provo sempre quando vedo persone di talento o a me care che si infilano in bocca quelle maledette sigarette. GRRRR!