Category Archives: Tecnologia

Come uscire da Skype con Windows 10

Da un paio di giorni ho installato windows 10. O meglio, si è praticamente installato da solo. Problemi pochi, vantaggi zero. Anzi vedo un sacco di svantaggi:

  • certe finestre piccoline di alcuni applicativi vecchiotti non hanno più spazio per la cornice
  • alcuni caratteri sono troppo grandi
  • altri sono sfuocati
  • dopo un giorno di lavoro (abituale, nulla di straordinario) il sistema si è piantato. Un crash con tanto perdita dei dati
  • SAGE ACT! mi dà un errore ogni volta che esce. Sospetto che non sta funzionando benissimo.

Vantaggi? Boh, l’unico che vedo è quello di aver unificato desktop e interfaccia “nuova”, quella a touch. Mah..

Invece ho perso un po’ di tempo con Skype. L’ho installato e non riuscivo a chiudere l’applicazione. (Io uso Skype solo saltuariamente). Riuscivo solo a ridurre il programma a icona. Il pulsante di destra non offre soluzioni. E neppure l’esplorazione del menu.

Alla fine ho consultato la rete e ho visto che non sono solo e ho trovato anche la soluzione, per la verità abbastanza banale.

1° passo per uscire da Skype con Windows 10

Bisogna cercare l’icona giusta, che si trova nella barra delle applicazioni, tra quelle nascoste.

Fotografia_dello_schermo_081115_041400_PM

 

2° passo per uscire da Skype con Windows 10

Bisogna cercare l’icona di Skype e col pulsante di destra cercare la voce “Esci”

Fotografia_dello_schermo_081115_042147_PM

 

Facile no?

Pronto soccorso omeopatico: il video e il kit

acqua-fresca

Dopo una lunga giornata di lavoro mi sono dedicato ad un po’ di sano cazzeggio su Facebook. Vedo che tra i miei contatti spunta una segnalazione (grazie amici!): un video, molto ben fatto, che racconta dell’arrivo di un povero disgraziato investito da un auto in un

Pronto Soccorso Omeopatico!

I dialoghi sono esilaranti (ci sono pure i sottotitoli). Ecco un esempio

– Frattura al braccio, sospetta lesione interna, forte trauma cranico

– Ok. Bisogna essere veloci, preparami la soluzione di arnica montana
– A che diluizione
– Uno su un milione
– Ma sei sicuro? Il ferito è grave
– Hai ragione, abbiamo bisogno di qualcosa di più forte… facciamo uno su 10 milioni!

Gustatevelo tutto, fino alla fine, con l’esilarante successione di esperti che impongono le mani, leggono gli oroscopi, interpretano i Chakra,  insomma provano tutte le pseudo medicine rendendo evidente la loro assurdità e inutilità.

Pio, più per abitudine che altro, ho fatto una ricerca in rete proprio con “pronto soccorso omeopatico” e non potevo credere ai miei occhi! Ho trovato un articolo (per fortuna critico) che segnala che su Amazon viene venduto addirittura un

kit pronto soccorso omeopatico

Kit di pronto soccorso omeopatico

Sono indeciso… lo metto o non lo metto il link ad Amazon?? E vabbè lo metto… 

Però, mi raccomando. Se lo comprate usate lo come suggerisce Miles Power in quest’altro video (sembra riprendere una conversazione che ho avuto proprio ieri con il mio amico Leonardo)

Cioè, date credito all’omeopatia a fate un grande regalo all’umanità: versate il contenuto di questo kit in un corso d’acqua qualsiasi, un fiume per esempio. I principi attivi non solo saranno ulteriormente diluiti potenziando così i loro effetti, ma arriveranno ne mare e si diffonderanno su tutto il pianeta

 

 

 

Caschetto invisibile per ciclisti

Leggo questa notizia su internet: è in commercio un caschetto invisibile per ciclisti che protegge la testa e non è brutto da vedere. Interessante. Molto interessante.

Questi tipi, per esempio, indossano il “caschetto”

Ecco come è il caschetto invisibile una volta indossato
Ecco come è il caschetto invisibile una volta indossato

Leggendo l’articolo si scopre che, in realtà, è un “airbag per ciclisti” ed è prodotto da una azienda svedese la Hövding. Il costo non è proprio economico e ho anche qualche perplessità sul funzionamento? Come fa a scattare? Ci sono degli accelerometri? Se funziona con gli accelerometri, quando me lo tolgo e lo getto su una sedia, non è che parte? E una volta usato si deve buttare (sono 400 euri, mica poco) oppure si “ricarica” in qualche modo.

Comunque pur con tutte le mie perplessità, resta un’idea geniale.

Sulla pagina dove l’ho trovato c’è anche un filmato che racconta la storia di questo casco particolarissimo. E’ stato fatto da un regista del quale però riporto un altro filmato che comunque è sempre in tema: Bikes vs Cars, Biciclette contro Automobili.

 

 

Il vetro del futuro

Qualche giorno fa ho segnalato questo video su Facebook.

http://www.youtube.com/watch?v=iY1Q0bNwXuI

Nel video si vede una panoramica di possibili applicazioni del vetro – usato soprattutto come schermo, ma non solo – in un futuro non troppo remoto.  Intorno a questo post si è sviluppata una lunga serie di commenti e allora ho pensato di riproporlo sul blog, per chi non ama FB.  E poi su facebook le cose mi sembrano sempre troppo fugaci. Chi invece ha FB può andare qui:

Ecco alcuni commenti.

Il mio commento iniziale:
Mi attrae, ma non sono sicuro che questo futuro possa piacermi davvero.

  • Gino Vantuno Bello è bello.
  • Stella Stellina Beh non è male! forse un po’ troppo perfetto.
  • Claudio Iotti Diciamo che tecnicamente richiede almeno un altro secolo per poter funzionare in questo modo e di conseguenza non mi riguarda. Poi la sicurezza, io vengo in casa tua, appoggio il cellulare nel posto sbagliato e tu vieni a sapere con estrema facilità quanti soldi ho nel mio conto alle Cayman.
    Conto che peraltro è assolutamente necessario per acquistare flat panel collegati a potentissimi server remoti: solo il piano cottura della cucina costerebbe quanto una attuale casa tutta intera.
    Ma soprattutto: come si vedono i porno?
  • Gino Vantuno Ma quale secolo!? è tutta tecnologia che già esiste, ci vorrà piuttosto un secolo di mutuo per pagarla. :-D
  • Stella Stellina Beh, considerato come guardano la tv la sera… in pratica ci si è in mezzo e incontri anche il vicino di casa che sta guardando lo stesso programma (!!!!) così ci fa una figura di m…
  • Claudio Iotti tecnoogia che esiste mica tanto: solo per fare un esempio un ebook reader flessibile e sottile come un foglio ancora non l’ha fatto nessuno.
  • Claudio Iotti Un’orgia col mio vicino di casa?
    Credo che tornerò alle caverne, grazie!
  • Stella Stellina e nel video non si vede cosa succede in bagno! chissa come sarà il water del futuro… non oso pernsarci!
  • Mario Braconi Hulot tutto il giorno a mastruzzare con il video, mamma che imbressione!
  • Leonardo Broseghini Mi piacerebbe vedere la stessa pubblicità ambientata in Italia: i display pubblici rubati o imbrattati, la linea a casa che arriva a singhiozzo, pubblicità e spam che t’inseguono anche al cesso… ;-)
  • Stella Stellina ecco xkè non hanno fatto vedere il cesso! xkè appena tiri su il coperchio del water sul fondo c’è un bel display in 3D! fantastico!
  • Giovanni Sonego Nello spot pilota c’era anche il cesso, ma l’art director, appena ha visto che lo inquadravano, ha detto “A me mi pare una stronzata” e allora l’hanno tolto.
  • Mario Braconi Hulot ‎@ leonardo: e pensa le risate con la connessione internet a 2mb se tutto va bene, se non cade, naturalmente…
  • Mario Braconi Hulot ooops… scusa, l’avevi già scritto tu, della connessione…Stella Stellina Giovanni hai argomenti sempre interessanti, hai scatenato una bella discussione!
  • Gino Vantuno L’ ipad 3 sembra già obsoleto…

Su Facebook “error: like_box is undefined”

Da qualche giorno, usando Facebook, mi si apre una finestrella con un un messaggio di errore

“error: like_box is undefined”

Cercando in internet non si trovano molte indicazioni utili, perciò o fatto un post sulla soluzione che ho trovato io.

A me è bastato disattivare il componente aggiuntivo “non mi piace” di Facebook e adesso tutto funziona  meraviglia.

Per procedere cerca sul menu Strumenti la voce “Componenti aggiuntivi

Rimozione dislike, fase 2

Poi sulla voce Facebook Dislike 1.1 si clicca Disinstalla

Rimozione Componente Non mi piace, fase 1

Poi basta uscire e rientrare dal browser firefox.