Archivi categoria: Lavoro

Pubblicità contestuale sul blog di Gad Lerner

Ieri sera, all’Infedele, puntata con isterico intervento in diretta di Silvio Berlusconi che ha litigato con Gad Lerner.  Questa mattina vado a leggere l’articolo relativo sul blog di Gad Lerner e vedo che ci sono degli annunci contestuali divertentissimi.

L'articolo sugli insulti di Berlusconi all'Infedele

Premessa. Come sapete, Google ha messo a punto un sistema di gestione degli annunci pubblicitari che propone annunci contestualizzati, basati sul contenuto della pagina che si sta guardando.

Se una pagina parla di automobili, gli annunci saranno di automobili. Se parla di viaggi, gli annunci riguarderanno offerte per le vacanze.

Ecco raccolti gli annunci di questa mattina sulla pagina dove si parla dell’intervento di Silvio Berlusconi da Gad Lerner.

Sei Ebreo?

 

 

 

 

Perché una domanda? Certo che Gad Lerner è ebreo. E non c’è bisogno di fare analisi genetiche. Lo dice lui!

Disfuzione Erettile

Grande esempio di pubblicità contestuale. L’annucio più visualizzato anche ricaricando la pagina è perfettamente in linea con le problematiche trattate in trasmissione.

Carfagna, miss e ministro

Il percorso politico di Mara Carfagna. Altro argomento della trasmissione: come hanno fatto certe donne a fare carriera?

Donne più sexy del 2010

No, questa volta la constestualizzazione non è pefetta. Sappiamo tutti che Berlusconi le preferisce più giovani.

Donna più sexy del 2010

Eppure il sistema di abbinamento degli annunci insiste con questo concetto. Il giudizio del software è inequivocabile: le donne più sexy sono quelle più mature. Forse questo intelligentissimo software sta dando consigli al premier?

Denti Perfetti

In effetti in trasmissione si è parlato molto di Nicole Minetti e Berlusconi, in chiusura, ha ricordato i suoi grandi meriti.

Agenzia Investigazioni per infedeltà coniugali

Un supporto per promuovere i valori cristiani della famiglia e della fedeltà.

Colpo di stato sventato

 

 

 

 

Beh, stiamo tranquilli allora. Ah, no… non si parla dell’Italia. Peccato.


Conclusione (autopromozionale)

Un articolo del genere è una prova incredibile di come funzioni bene la contestualizzazione automatica degli annunci rispetto al contenuto della pagina funziona. Beh, a questo punto, visto che il mio lavoro è prevede anche di aiutare le aziende a gestire la pubblicità contestuale, vi rimando al sito della mia azienda dove troverete una scheda sulla pubblicità tramite annunci contestualizzati pay per clic.

Che lavoro schifoso, ma potrebbe esser peggio

Ancora non ho raccontato delle vicissitudini con la partita IVA fantasma. Prima o poi lo farò. Comunque, come ho scritto nell’ultimo post, è un periodino in cui i piccoli inconvenienti rendono meno monotone le giornate.

Pensavo di averne avuto abbastanza, ma questa mattina…. guardatevi il video che poi vi spiego.

Questa mattina, dicevo, sono arrivato in ufficio ed era allagato. Al 6 piano si è rotto un tubo che ha allagato tutta la colonna quinto piano, quarto (il mio), terzo e secondo. Un disastro.

Adesso sono le 11.00 e possiamo comiciare a lavorare.

Touch, tendini e altre amenità delle ultime due settimane

La settimana scorsa grande impegno per il torneo Keep in Touch 2010, prima edizione. Non avevo mai partecipato all’organizzazione di un torneo di questo tipo. E’ veramente un casino. Per fortuna che i miei compagni di squadra sono bravi e ce l’hanno messa tutta, ma è veramente una cosa impegnativa.

Cominciamo da Sabato 11 aprile.

Sembra che le squadre al torneo siano solo 7 e non 8. Come si fa a fare due gironi? E’ un casino. Bisogna trovare un’ottava squadra. Non molti giorni fa avevo parlato con l’allenatore delle ragazze del Modena Rugby + Formigine Rugby per fare qualcosa insieme. Questa è una buona occasione e le invitiamo. Solo che non hanno mai giocato a touch. Mi impegno di fare un paio di allenamenti con loro, per spiegare i rudimenti.

Perciò sono pronto ad una settimana di super allenamento.

Lunedì: calcetto. Da poco ho ripreso a giocare con il gruppo di calcetto organizzato da Fabrizio. Mi trovo bene ed è un modo per fare movimento abbastanza intenso una volta in più

Martedì: l’allenamento touch settimanale.

Mercoledì: influenza, ma una corsetta fa bene. E poi devo fare istruire le ragazze del Modena Rugby, per spiegare le regole base del touch. Andiamo io e Nicola. Sono sfinito. Ma tengo botta.

Ci rendiamo conto che le squadre non erano 7, ma 8 (una persona sola aveva pagato per due squadre confondendoci le idee). Percio’ dobbiamo ideare un torneo a 9 squadre.

Giovedì. Casini con l’arbitro internazionale. A causa del vulcano islandese impazzito, l’arbitro inglese non può e venire il Italia. Fabrizio è disperato. Per fortuna la cosa si risolve nel migliore dei modi. Fabrizio trova degli arbitri internazionali che sono in Italia, ma non riescono a tornare in Inghilterra, perchè – sempre a causa del vulcano – sono costretti a rimanere in Italia. Che storia!

Mignolo con tendine rotto
Mignolo con tendine rotto

Alla sera altro allenamento con squadra del Modena Touch e con le ragazze del Modena Rugby. Sono ancora un po’ influenzato, ma corro come un forsennato. Fiato zero. Sono un po’ fiacco, ma ve decisamente meglio. Per sabato sarò in formissima!

Dopo la doccia, mentre sto andando verso casa, sento uno strano formicolio al braccio sinistro. “Ecco, ci siamo! ” – dico tra me e e me – “questo è un’infarto che sta arrivando”. Invece poi guardo la mano e noto che il l’ultima falange del mignolo è a martello. E non ne vuol sapere di drizzarsi! Mi risollevo: non è infarto. Forse è solo un tendine. Vado al pronto soccorso. Confermano la diagnosi: è un tendine. Mi mettono una specie di copertura di plastica, ma mi consigliano di farmi rivedere il giorno dopo.

Venerdì. Mi faccio controllare la mano. Mi rifanno la copertura del mignolo, che rimane steso dandomi un’aria un po’ snob. Devo tenerlo riguardato come un gesso: niente colpi e urti per 6 – 8 settimane. Salta, il torneo. Salta la prima giornata del campionato e quasi sicuramente anche la tappa in Alpago! Forse pure quella di Verona a fine giugno. Insomma, stagione finita prima ancora di essere cominciata.

La Coppa Maiala
La Coppa Maiala

Sabato. Finalmente il torneo!

La nostra perfetta organizzazione non prevedeva una persona fissa al tavolino per segnare i risultati, chiamare le squadre, dare i fogli gara agli arbitri, fare lo speaker, insomma …. per fortuna che mi rotto il tendine, così qualcuno c’era. Non è stato molto divertente (anche perché la pioggia non è certo stata scarsa), ma è stato utile.  Il Modena Touch si classifica al 5° posto.  E inoltre i Brianza si fregano la Coppa. Alla sera, dopo uno spendido terzo tempo presso la club house del Modena rugby sono quasi completamente afono. Ehi, ma questo può essere un problema: mercoledì alla camera di commercio di Modena devo partecipare ad un seminario e sono io il relatore! Come farò senza voce? Mah…

Domenica. Mi sembra che vada meglio. Sono un po’ stanco. Vado a vedere una partita di rugby, nel pomeriggio. Un po’ di relax e una bella dormita e passerà tutto. Sono sicuro che mi tornerà la voce.

Lunedì. Cristo! Sono quasi completamente afono e ho un mal di testa della madonna. Non riesco a mettere in ordine le idee e a trasporre quanto ho preparato in una presentazione powerpoint decente. Vado dal medico che mi dà antibiotici e altri farmaci. Speriamo di recuperare. Vado a casa e mi metto a letto.

Martedì.  Al risveglio sono ancora afono, ma va un po’ meglio. Il computer si pianta in continuazione. OpenOffice writer non ha la modalità di visualizzazione “struttura”. La cerco invano. Mi decido e attivo la versione di prova di Microsoft Officel 2007. Una merda. C’è la struttura, ma non parte bene. Invece del cursore operativo mi visualizza il simbolino d’attesa, si ciuccia tutta la CPU e si pianta in continazione. Ritorna il mal di testa. Lavoro dalle 9 di mattina all’1:30 di notte. Ce la posso fare. La voce è ancora poca. Areosol!!!

Mercoledì. La voce è sufficiente. Il mal di testa non c’è più. Riordino le ultime slide. Il pomeriggio, finalmente, il seminario. Dopo l’introduzione mi danno la parola e parlo per più di due ore. Avevo preparato troppa roba. Ce n’era abbastanza per due o tre di seminari. Poi cedo la parola all’altro relatore, Andrea Bezzecchi dell’Acetaia San Giacomo. Bravissimo. Un imprenditore che ha messo veramente in pratica la promozione su Internet usando i social network. Finisce il seminario. Riunione del Modena Touch. Visto che non posso più giocare, mi sono offerto come allenatore. Si fa la riunione e quando esco sono il nuovo allenatore. Da domani si comincia. Spero di divertirmi anche così.

E che non vi ho raccontato di cos’è successo con la partita IVA della Factotum in questi giorni. Ma questa è un’altra storia, che merita un post a sè.

E’ nato Coobiz

E nato Coobiz
E nato Coobiz

Finalmente ha visto la luce COOBIZ un progetto al quale stavo lavorando da tantissimo tempo (non da solo ovviamente, ma con la mia azienda)

Si tratta di una directory di aziende, ma con qualcosa in più rispetto ai nostri concorrenti:

  • Un corposo elenco di aziende italiane
    che sono state classificate in un modo innovativo e originale, dovrebbe essere più semplice trovarle
  • Tantissimi dati su ogni singola azienda
    ogni azienda può inserire un mucchio di dati che vanno dai prodotti, ai comunicati stampa, agli orari di apertura chiusura, alle traduzioni in altre lingue. Questa, ad esempio,  è la presentazione di Factotum srl la mia azienda.
  • Concetti di socializzazione
    Sia per gli utenti singoli che possono aggiungere commenti e opinioni, votare le aziende, inserirle tra le proprie preferite.
  • Analisi di geomarketing
    ogni azienda può vedere una analisi intelligente della propria posizione geografica rispetto alla popolazione

E poi questo è solo l’inizio. Continueremo a lavorarci alacremente, per migliorarlo sempre di più. Ma intanto Coobiz ha visto la luce e un bel passo è stato fatto!

Corso SEO avanzato sull’ottimizzazione per i motori di ricerca

Codice Etico SEO
Codice Etico SEO

Nei giorni scorsi ho partecipato al corso di Ottimizzazione per i Motori di Ricerca tenuto da Bruce Clay, uno dei “guru” mondiali sull’argomente, autore del celeberrimo Search Engine Relationship Chart e del codice etico per gli ottimizzatori – Un approccio all’ottimizzazione al quale ci siamo sempre attenuti, prima ancora di sapere che un tipo negli USA aveva formalizzato questo comportamento.

Il corso era tenuto in inglese ed ero un po’ preoccupato: da quando ho smesso di lavorare con Nextra ho sempre meno occasioni di praticare l’inglese e pensavo di non capire niente. Invece – dopo i primi 10 minuti di smarrimento – ho capito tutto, ho interagito con il relatore, ho fatto domande.  Nelle pause ho continuato a parlare in inglese con gli altri corsisti (ottimizzatori che venivano anche da altri paesi europei).

L’altra mia preoccupazione, condivisa con il mio socio, era che Bruce Clay non potesse insegnarci molto di nuovo sull’ottimizzazione motori di ricerca, visto che ne sappiamo parecchio e facciamo da anni un ottimo lavoro. Già in altre occasioni corsi simili si sono rivelati una delusione, visto che ne sapevamo più noi dei docenti. Più uno ne sa, e più difficile diventa trovare qualcuno che ne sappia di più e che sia in grado di insegnare qualcosa.

Invece, anche su questo fronte, è andata benissimo. Bruce Clay svolge il suo lavoro di ottimizzazione sul mercato più competitivo del mondo. Offre i suoi servizi ad aziende di altissimo livello. Inoltre è supportato da un laboratorio di ricerca sull’argomento.  Perciò ne sa veramente tanto. Ho anche ricevuto la conferma che il 90% di qeullo che facciamo per l’ottimizzazione nei motori di ricerca è fatto bene, ma non solo. Abbiamo imparato anche nuove tecniche di ottimizzazione avanzata e e abbiamo capito come collegare tra loro in modo più organizzato i nostri singoli interventi SEO.

Sicuramente questo corso darà fin da oggi un apporto positivo al mio lavoro. E’ stato un po’ faticoso, ma ne valeva la pena.