img-150202213959-0001 - Copia-001

Il primo nodo Internet a Modena

Non sono molto bravo con gli anniversari, ma questo non mi doveva proprio sfuggire. Porca trota! Mi sono accorto solo oggi che da un paio di mesi sono passati poco più di 20 da quando venne aperto il primo nodo internet di Modena. Il primo contratto del primo provider internet Modenese infatti porta la data del 1 febbraio 1995, ma era stato venduto già nel dicembre del 1994.

img-150202214115-0001Correndo come dei forsennati avevamo cominciato a dare e vendere i collegamenti diretti a Internet già da un paio di mesi, da dicembre 1994, ma c’erano ancora parecchie cose da mettere a punto e non ci sembrava corretto chiedere pure un canone di abbonamento alle persone che collegandosi al nodo internet per primi ci avrebbero fatto pure da cavie. Perciò avevamo deciso che chi avesse stipulato il contratto in quel periodo avrebbe ricevuto subito l’accesso, ma che i contratti sarebbero formalmente partiti dal 1 febbraio 1995. I primi clienti li ricordo tutti. Il primo, un privato, si chiamava Cristiano B. La prima azienda la libreria Athena. Alcuni li frequento ancora adesso, vero Franco R.?

E’ stato davvero un bel periodo e mi piacerebbe ricordare e ringraziare tutti gli amici che hanno partecipato a questa avventura e hanno reso possibile la creazione del primo provider Modenese. (inizialmente Factotum Informatica, poi Pianeta Srl)

A partire dagli amici dell’Infolab: Marcello Masina, Riccardo Ferrarini e Gianni Luppi. Senza di loro non ce l’avrei mai fatta, ma grazie al loro entusiasmo e alla loro competenza abbiamo trasformato un’idea un po’ matta in una realtà concreta e abbiamo dato il nostro piccolo contributo alla diffusione di Internet in Italia.

img-150202195148-003Questo anche grazie al nostro primo fornitore DS-Net di Bologna. In particolar modo Cristina Ruggieri, Ugo Manfredi, Mirko Sancassani e Francesco Russo. Con loro e altri provider italiani abbiamo poi dato vita al consorzio di Italia.com (pensate che con questo consorzio abbiamo fatto pure un giornale cartaceo e nel 1996 abbiamo pubblicato un’intervista a Beppe Grillo, su Internet ovviamente). Se eravamo avanti!

E quindi altri i soci si sono aggiunti: Mauro Manelli, Marcello Pellacani, Vanni Balasini, Mauro Margini, Giorgio Martini e Sergio Veroni (quest’ultimo purtroppo scomparso troppo presto).  E l’ultimo arrivato nella compagine sociale, il mitico Alberto Pasquale!

Vorrei ricordare tutte le persone che hanno avuto l’occasione di collaborare con Pianeta, ma come faccio? Sono troppi e mi dispiacerebbe dimenticarmi qualcuno. Paola, Lorenzo, Daniela, Paola, Silvia, Maria, Dino, Tino (Tindaro), Michele, Sara, Annalisa, Fabrizio, Raffaele, Felicina, Andrea B., Graziano, Andrea P., Andrea M, Marika, Dario, Luigi, Valentina. Se ho dimenticato qualcuno ditemelo e abbiate pietà dei miei neuroni. Prometto che correggerò il post.

img-150202213959-0001E tutti quelli che hanno partecipato anche senza essere né dipendenti, né soci ma semplicemente perché ci volevano bene? Fra tutti, Alberto G. e Romano B. E i fornitori con cui abbiamo lanciato grandi progetti di comunicazione invadendo la città di manifesti 6×3,vero Andrea B. E grazie anche ad un compagno di squadra che si prestò a fare da testimonial per le nostre campagne, lo spaventoso Gianni G. O i titolari di società amiche chi ci hanno dato l’appoggio per espandere la rete come Marco C. e Luigi L. E tutti i primi tentativi di editoria online? Sergio C. e Gabriella B., Marcello P. e Francesco G., Daniele L. ,Ugo C. e Ugo P., i meravigliosi ragazzi di Kult Underground, Diego C. , Alberto F., Giordano C., Paolo B., Marco M, Maria P. B., Matteo Z. ma ce ne sono stati molti altri ancora (sfogliate le pagine di Giramondo per ritrovarli). E i giornalisti che scrivevano di noi, li vogliamo dimenticare? Stefano A. e Doriano R. tanto per dirne due che vanno alla grande anche oggi. E i concorrenti che invece di godere erano pronti a correre in soccorso quando magari ti si scassava un router (e viceversa, ovviamente)? E le litigate finite in amicizia con amministratori pubblici come Massimo M. e tutti i pionieri con con cui si condividevano esperienze e visioni come Giovanni F.

Cazzo che nostalgia…

Leave a Reply

Your email address will not be published.